Tuesday, January 06, 2009

Er dialetto romanesco

Succede che torni a casa per le vacanze di Natale. E succede che casa tua è a Roma. Succede pur…anche che ci torni per pochi giorni e hai programmato di incontrare qualcuno. Per curiosità, non per altro. Perché l’hai vista in foto ed è carina. Perché sa parlare e scrivere e te par…ti sembra interessante e piacevole come compagnia. Succede tutto questo e non c’è niente di strano a prima vista. Ma lui è lì, in agguato. Ti aspetta, ti annusa, ti punta e poi te sar…ti salta al collo che manc…nemmeno te ne accorgi. E nù lo riconosci mai perché se maschera, se ‘mbroja, te cojona e sarta fòri all’urtimo, parlanno in romanesco. E te se ‘nfila in testa e batte che pare un fabbro feraro. E tu ce provi a mannallo via, chè già ce sei passato, la sai la strada che t’aspetta, lo sai ‘ndò te porta. Ma nun c’è verso, nun se scappa. È peggio de ‘n decreto reggio.

Ce provi cò li libbri ma fai peggio.

E daje ggiù Trilussa, Belli, Aldo Fabrizi.
E Pascarella cò le caravelle.
E la Rinaldi, povere ma belle.
Sei pronto a rinuncià puro a li vizi,

e invece sei der gatto ormai, stai fresco!
E te convinci ch’era mejo prima.
Non solo t’aritrovi a scrive in romanesco,
ma te ce scappa fòri anche la rima!

Che poi er dialetto è affare complicato.
Nun è che poi penzà che basta avello.
Devi esse pure ‘n filo smanicato,
devi conosce er modo se vòi usallo.

Inzomma a falla breve er risultato
è che le sbaji tutte, e ce lo sai!
Ma nun me chiami mai!”, “Che m’hai chiamato?
Che fai me baci?”, “Ma nun me baci mai?

Ma datte ‘na guardata, siamo seri.
Ma ‘r lavoro, la scienza, la curtura...
Ce l’avevi ‘sti tesori, erano veri.
Rinunci a tutto? Bella fregatura!

Perché er penziero che te passa ‘n testa
è proprio questo, nù lo poi negà.
La vita sarà bella, gioja, festa
finchè nun viene l’ora de magnà.

Chè te li sognerai la notte l’occhi sua,
ma su quer tavolino nun s’embroja.
Vòto sarà er piatto, vòta la foja.
E che te magni, li mortacci tua?

Perciò tesoro mio nun t’arabbià.
Se me vòi bene credi, damme retta.
‘Sta cosa la dovremmo maturà,
nun è che se po’ fa così de fretta.

Ce metterò der mio, io te lo giuro.
E prima o poi vedrai che ce riesco.
E allora ce lo studieremo insieme
come parlà ‘r dialetto romanesco.

6 comments:

silvio di giorgio said...

poesia mica tanto improbabile...

Camu said...

no no attualissima direi e non solo per il dialetto romanesco ma per qualsiasi dialetto dello scarpone...prova provata in questi giorni!!!!

Cinema and Cigarettes said...

Son finite le feste? Buon anno Lesandro!

fabio r. said...

ahahahah!!!
straordinario! io sono romano per metà (di madre) e quannno m'arincontro co i cugini in capitale, doppo 2 minuti me sento de parlà 'n dialetto pure io!
è contagioso.. anvedi nicoletto! a bello, senti 'n po'! ma nun me sta a scoccià.....

elena71 said...

Uh, non sono la sola...

Ho detto sola, no sòla!!!

:DDD

Sabatino Di Giuliano said...

Eccezionale. Un saluto da Trieste